Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2010

In un recente viaggio in Calabria, ho visto crescere praticamente ovunque il fico d’india, una pinta tipica delle zone più calde e difficile da coltivare, che a difefrenza di quanto ritengono molti appassionati del giardinaggio come me, trovo estremamente decorativa e suggestiva. Il fico d’india mi sembra richiamre gli scenari di certi fil neorealistici ambientati in Sicilia dei grandi registi del passato. tornata a casa, ho deciso di documentarvmi e vi riporto alcune delle informazioni sulla pianta e delle indicazioni per coltivarla.

Origini

Il Fico d’India è originario dell’America ed e’ stato introdotto in Europa dopo la scoperta del Nuovo Continente. Grazie alla sua elevata adattabilita’, si e’ diffusa, oltre all’America centrale e meridionale, in Sud-Africa e nel Mediterraneo, addirittura in Sicilia e’ oggetto di coltura specializzata.
I fiori gialli, a coppa, compaiono in primavera-estate. E’ una tipica pianta aridoresistente: questo significa che richiede temperature superiori a 0 gradi centigradi, terreni leggeri, senza ristagni idrici, a reazione neutra o subalcalina. Qualora la produzione principale sia basata sui “bastardoni”, richiede che in ottobre-novembre si verifichi un andamento climatico che permetta la maturazione di tali frutti.

Read Full Post »

Una volta giunta l’estate le operazioni di pulizia si fanno sempre più necessarie per tenere il giardino in ordine. Creare dei punti d’acqua, delle fontane, prendersi cura di piante aromatiche: tutto molto importante per la realizzazione di angoli di paradiso che sono i nostri giardini. Spesso, tuttavia, questo non basta. Perchè un giardino sia ben abitabile, è necessario che sia in ordine, soprattutto come nel mio caso, ovvero in situazioni in cui si hanno molte piante. E’ necessario preoccuparsi del taglio degli arbusti, ovvero della potatura e dell’eliminazione del fogliame almeno una volta alla settimana altrimenti si rischia di avere un giardino poco curato e di conseguenza poco ospitale per amici e parenti nel caso in cui si voglia realizzare serate divertenti o semplici incontri informali. Naturalmente per fare ciò è sempre necessario attrezzarsi con gli strumenti giusti, accessori sicuri e garantiti, dai rasaerba agli arieggiatori per aspirare il fogliame.

Read Full Post »

Basta davvero poco!

Basta davvero poco per ricreare in città un angolo per il proprio relax. Le ferie sono ancora troppo lontane per chi è costretto a sopportare l’afa e l’umidità degli ultimi giorni. Per questo motivo è assolutamente determinante per sopravvivere questi ultimi giorni di luglio, creare un posto dove potersi rilassare al fresco. Poichè, spesso, le aree verdi dei centri urbani sono notevolmente ridotte o praticamente inesistenti, l’unica soluzione è attrezzare il proprio giardino ad accogliere ar sera, una volta tornati a casa da lavoro, o per la colazione della mattina. Certo, è da ritenersi fortunato chi ha a disposizione un ampio terrazzo, ma questo non significa che non vi siano possibilità per i proprietari di appartamenti piccoli e con pochi punti luce. Occorrono semplicemente un tavolo – in plastica, perchè no – qualche sedia e tante piante, specie arbusti capaci di fare l’ombra necessaria a godere di un pò di fresco. Chi volesse fare del terrazzo un punto di ritrovo per gli amici in luogo del solito bar
per l’aperitivo, può naturalmente utilizzare qualche complemento d’arredo in più. Per chi invece volesse farne solo un angolo di relax assoluto, la migliore soluzione e posizionare qua e là qualche pianta aromatica, capace di spandere nell’aria solo aromi naturali per aiutare lo spirito ed il corpo.

Read Full Post »

Con il caldo e le temperature elevate, è difficile resistere al chiuso in casa per cucinare. Piuttosto che ripiegare su una dieta a base di soli gelati, soluzione gustosa per i più golosi ma poco salutare nel lungo periodo, è un’idea utile e divertente cucinare all’aperto. Brace a volontà, insomma. Cosa occorre? Griglia, carne e naturalmente il barbecue. Ne esistono attualemnte numerosi tipi in commercio, una vasta gamma a disposizione della scelta dei consumatori. Uno dei problemi che la maggior parte delle persone affrontano è sicuramente quello di montarlo una volta acquistato. Fortunatamente, oggi, esistono in commercio barbecue semplici da assemblare e soprattutto da pulire, in modo che una giornata da trascorrere in relax godendo del proprio giardino, non diventi una specie di gara, una competizione per realizzare un barbecue da veri intenditori. E’chiaro che i modelli migliori sono quelli con la base in pietra o in legno dotati di ruote e che possono essere facilemnte trasportati da un angolo all’altro del giardino. L’unico dilemma che resta è se sceglierne uno a carbonella o a gas. La carbonella permette una cottura semplice per gli appassionati della cottura tradizionale ma non è ideale quando il caldo raggiunge elevati livelli. Può inoltre essere pericoloso. Il barbecue a gas, invece, permette una cucina ugualmente sana, ma può essere usato praticamente ovunque.

Read Full Post »