Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2011

Chi è mio affezionato lettore saprà ormai che, con i consigli e gli attrezzi giusti, si può coltivare davvero di tutto sul balcone o sul terrazzo. Basta un po’ di impegno e cura e davvero possiamo avere delle grandi soddisfazioni. Uno dei prossimi compiti che vi do è provare a coltivare le fragole in vaso. Sì, avete capito bene, quei succosi frutti rossi che fanno impazzire tutti. Visto che ormai è un po’ tardi per partire dalla semina, vi consiglio di acquistare le piantine di fragole da un fioraio o in un negozio di frutta. Così avete la materia prima su cui lavorare.  Acquistate, le piantine vanno messe a dimora in vasi piccoli. L’ideale sarebbe mettere una pianta in un vaso dal diametro di 15 cm di diametro. Se volete divertirvi, piantate fragole di specie così da avere un orto di fragole in miniatura sul vostro balcone.

Il terriccio deve essere a base di torba e sabbia, da mischiare con terriccio da orto e stallatico ben maturo. State attente a tenere lontane le erbe infestanti e ad esporre le piantine in pieno sole. Innaffiate regolarmente le piantine senza lasciare asciugare mai completamente il terriccio. Aumentate le innaffiature nel periodo di fioritura, quando nei primi giorni di marzo compaiono piccoli fiori bianchi. Sempre durante la fioritura è consigliabile arricchire il terreno con del concime liquido a base di potassio.

Ricordate che la fragola è molto sensibile al freddo. Affinché superi l’inverno, è necessario coprire le piantine con un telo di plastica per creare un ambiente caldo.

Di anno in anno, la pianta di fragole produce sempre meno frutti per cui vi consiglio, ogni estate, di ricavare delle piantine figlie. Sarà la stessa pianta madre a produrle su lunghi steli da cui spunteranno le radici. Lasciate crescere le piantine fino a quando avranno le radici abbastanza sviluppate da poter essere a dimora in vaso. E poi rinvasate.

Buona coltivazione!

Read Full Post »

Negli ultimi tempi ho visto molte persone coltivare le piante d’appartamento in idrocoltura. È un metodo che si sta diffondendo rapidamente perché molto semplice, veloce e dà minori problemi di parassiti e animaletti insidiosi.

Ma procediamo con ordine. L’idrocoltura è semplicemente la coltivazione delle piante da appartamento senza l’utilizzo della terra. Potrebbe sembrare strano, ma se ci pensiamo un attimo tutto diventa chiaro: tecnicamente le piante non vivono di terra, ma delle sostanze nutritive in essa disciolte dall’acqua. Dunque, se troviamo un modo alternativo per fornire alla piante le stesse sostanze nutritive che sarebbero presenti nel terriccio, il gioco è fatto. Vediamo allora come fare.

Per coltivare in idrocoltura servono semplicemente acqua, fertilizzanti e argilla espansa. Se è vero infatti che il terreno non è di per sé la fonte nutritiva delle piante, è altrettanto vero che esso svolge la funzione indispensabile di fornire alla pianta una superficie a cui radicarsi. Per questo, coltivando in idrocoltura, sostituiremo il terriccio con dell’argilla espansa, materiale inerte e stabilizzato. L’ideale è mettere le piante d’appartamento in un contenitore dotato di fori e riempito di palline di argilla.

Dovrete poi posizionare questo contenitore all’interno di un secondo vaso riempito con acqua e fertilizzante e immergerlo per circa un quarto. Vi consiglio di utilizzare degli specifici vasi per l’idrocoltura muniti di intercapedine: ne esistono tanti in commercio e a prezzi davvero economici. A questo punto l’unica cosa di cui dovrete preoccuparvi sarà di rabboccare l’acqua nel vaso in cui avete messo a dimore le vostre amate piante ornamentali. Potete usare anche degli indicatori di livello dell’acqua: in questo modo è possibile tenere sotto controllo la quantità d’acqua residua senza timore di esagerare con le innaffiature o di lasciare la pianta senza acqua per lunghi periodi.

La cosa migliore è iniziare l’idrocoltura con talee radicate direttamente in acqua, in modo che le piantine crescano adattandosi naturalmente al substrato di argilla e all’alto tasso di umidità. Se invece volete coltivare in idrocoltura piante già cresciute in terra dovete pulire le radici immergendole in acqua per alcune ore e risciacquandole poi abbondantemente. Le radici vanno poi accorciate di almeno un quarto della loro lunghezza. Il periodo migliore per fare tutte queste operazioni è la primavera, perché la pianta è nel periodo di ripresa vegetativa.

A questo punto vi starete chiedendo: ma quali sono le piante più adatte all’idrocoltura?

I risultati migliori di si ottengono con le piante da appartamento e da interni a foglia verde o con piante dall’apparato radicale robusto come i Ficus, le Calathee, il Pothos, la Dracena, la Chamaedorea, i Philodendri e, tra le piante da fiori, le Kalanchoe, l’Hibiscus, lo Spathiphyllum, l’Anthurium, la Saintpaulia.

Read Full Post »

Nel post su come coltivare le erbe aromatiche sul balcone non ho menzionato il dragoncello, perché pensavo fosse un’erba aromatica sconosciuta ai più. E invece una mia attenta lettrice, Aurora, mi ha chiesto consigli su come coltivarlo e, quindi, eccomi qui.

Il dragoncello è una pianta aromatica erbacea originaria dell’Asia centrale. Ha foglie strette e lanceolate di colore verde chiaro dalle quale viene un aroma davvero molto intenso. Esistono due ipotesi che tentano di spiegare l’origine di un nome così caratteristico: la prima vuole che la pianta si chiami così perché le sue radici ricordano un groviglio di serpenti. L’altra, basata sulla tradizione tramandata per secoli, racconta che l’“erba dragona” sia una rimedio donato dal cielo per curare i morsi di serpenti e di altri rettili.

Per coltivare il dragoncello è bene sapere che esistono due varietà della pianta: il dragoncello russo, che fiorisce da luglio a ottobre,  e il dragoncello francese, superiore per aroma e sapore, ma sterile, per cui può essere riprodotto solo con la divisione dei cespi che deve essere fatta indicativamente tra marzo e aprile.

Il dragoncello va raccolto prima della fioritura, cosicché il sapore si mantenga intenso. Una volta seccato, va conservato in contenitori ben chiusi, all’ombra e in un luogo fresco e asciutto. Vi consiglio comunque di consumarlo velocemente perché altrimenti perde il suo profumo caratteristico e, dopo tutta la fatica fatta per coltivarlo, vi sembrerà di mangiare soltanto del fieno.

Se invece avete intenzioni di conservare il dragoncello a lungo vi do una ricetta fantastica insegnatami da una mia cara amica per preparare il burro al dragoncello. Una delizia. In pratica dovete impastare le foglie tritate di dragoncello con del burro ammorbidito. L’ideale è mettere 2 cucchiai di tritato per ogni 100 grammi di burro. Una volta impastato, mettete il composto nei contenitori per il ghiaccio e conservate in frigo, coprendo con della carta da forno. All’occorrenza aggiungente ai vostri manicaretti un cubetto di burro di dragoncello per dare loro un aroma intenso e particolare. Vedrete che successone.

II dragoncello infatti ha un sapore simile all’anice: con un po’ di pepe è ottimo per aromatizzare la carne, le uova, il pesce. Ha inoltre proprietà antisettiche e digestive. Una pianta davvero da scoprire.

Read Full Post »

Scrivo questo post su come coltivare la lavanda, prendendo spunto dal commento di Maurizio che mi chiedeva se la lavanda può crescere anche con poca luce. Purtroppo per lui, la lavanda è una pianta da sole e da terreni aridi e sassosi; tant’è vero che cresce spontanea sulle coste bruciate dal sole dell’Italia meridionale. Quindi bisogna esporla a luce piena. Sono piante di piccole dimensioni, raggiungono un’altezza di massimo un metro, e sono sempreverdi. Le foglie sono strette e di un quel particolare grigio perlato che caratterizza un po’ tutte le piante mediterranee. I fiori si concentrano su lunghi steli a forma di spighe.

Come ho detto, la pianta soffre terreni particolarmente umidi e i ristagni d’acqua per cui, tra un’irrigazione e l’altra, è opportuno attendere che il terreno si sia asciugato. Il terriccio non deve essere acido né troppo fertilizzato; la cosa migliore è concimare la pianta all’inizio della primavera con un fertilizzante bilanciato azoto-fosforo-potassio . La fioritura varia da specie a specie, ma comunque si concentra tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate. Ed è uno spettacolo per vista e olfatto: avete presente le distese di lavanda delle Provenza? Una meraviglia della natura che vale la pena riprodurre in piccolo sul vostro balcone di casa.

I fiori di lavanda devono essere raccolti in momenti diversi a seconda dell’uso che se ne vuole fare: per uso erboristico vengono raccolti all’inizio della fioritura; per usi cosmetici e di profumeria nel periodo di massima fioritura. Una volta raccolti si devono lasciar seccare in mazzi appesi a testa in giù in luoghi chiusi, ma ventilati e non esposti al sole perché questo li scolorirebbe. Seccati, non perdono affatto il loro profumo intenso, tant’è che basta conservarli in sacchetti di tela o in ciotole per profumare la casa.

Alla fine della fioritura è bene potare tutti gli steli fioriferi per permettere alla pianta di rinvigorire. Vi consiglio di potare drasticamente le piante più debilitate e poco compatte, lasciando solo pochi centimetri di stelo. Vi ripagheranno l’anno successivo con una fioritura ancor più rigogliosa grazie allo sviluppo di germogli più giovani e forti. Chiaramente, come in tutte le operazioni di potatura, assicuratevi di sterilizzare gli attrezzi da taglio per evitare di infettare i tessuti della pianta. Potete lasciare la lama per qualche secondo sulla fiamma viva.
Seguite questi consigli e avrete il vostro piccolo angolo di Provenza in casa.

 

Read Full Post »