Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘prato erboso’

Eccomi, sono ritornata!

Con un pò di nostalgia devo comunicare a tutti che la mia vacanza è finita, sono tornata a casa ed al mio amato giardino che, grazie ai sistemi di irrigazione automatizzata, è rimasto verdegiante così come lo avevo lasciato, non ci sono state brutte sorprese. Devo dire che mi sono molto rilassata, se può interessarvi, e mi sono goduta dei fantastici bagni con la mia famiglia.

Ora, però, è il momento di tornare al mio giardino, di rimettersi a lavoro per sfruttare gli ultimi mesi di caldo godendosi delle piacevoli giornate e serate all’aria aperta, dunque bisogna rimboccarsi le maniche e dare un’occhiata complessiva a quanto c’è da fare. Innanzitutto bisogna rasare l’erba che sembra essere cresciuta oltre i livelli massimi, stile forseta amazzonica. Poi bisogna pensare alle aiuole ed ai fiori e prendersi un pò cura di loro. Infine c’è da valutare anche gli arredi.

Insomma un bel pò di lavoro per riattivare i nostri giardini, io ho in mente un certo programma d’attacco, ma non mi dispiacerebbe ricevere qualche consiglio, c’è qualcuno che può fare al caso mio?

Read Full Post »

Credo sia interessante questo sito, per chi ha problemi relativi alle malattie del prato erboso, e anche se le informazioni che dà a riguardo non sono molte, sono convinta che sia possibile mandare una mail allo staff sicuramente competente che c’è dietro.

Mi sono informata un pò in giro, tra libri e riviste e ho pensato di riassumere le malattie più frequenti del tappeto erboso, elencandone nomi e sintomi. Inutile ripetere che una buona manutenzione riduce il pericolo di attacco degli agenti patogeni, quindi occorre adottare un programma di concimazione adatto alle essenze e alle condizioni pedo-climatiche e  irrigare preferibilmente di mattino nelle stagioni intermedie, nonchè rispettare l’altezza di taglio e non rimuovere il feltro. Il ricorso alla lotta chimica deve avvenire ai primi sintomi e solo sulle aree interessate per non distribuire grandi quantità di fitofarmaci ed alterare l’equilibrio della microflora utile.

Marciume Grigio

Marciume Grigio

Marciume grigio (Typhula incarnata). È caratterizzato dalla presenza di chiazze circolari, ricoperte da un micelio spesso, da bianco a grigio chiaro, larghe pochi cm; il tappeto diventa poi color grigio argento. La malattia si sviluppa in condizioni di clima freddo e umido, con temperature di 0-8°C e anche sotto la neve su terreno compattato e concimato con azoto in autunno. Per fortuna che questo tipo di malattia è poco .


Marciume Rosa
Marciume Rosa

Marciume rosa invernale (Microdochium nivale). Si riscontrano chiazze irregolari da 10 a 50 cm di diametro, con un alone verde-bruno all’esterno e una colorazione grigio-rosata all’interno, successivamente si disseccano. La malattia è più frequente con temperature fra 0 e 15°C, con clima umido; è favorita da un eccesso di azoto, da un pH alcalino e dalla presenza del feltro ed è più frequente sulle graminacee microterme in febbraio-marzo. L’attacco alle foglie si innesca dopo un prolungato periodo freddo e umido. La zona centrale della macchia può rivegetare, determinando un effetto visivo ad “anello”.

Read Full Post »

Prima di iniziare a dare consigli pratici per i problemi che possono provenire dal fungo sul tappeto erboso, volevo vivamente ringraziare tutti i visitatori del mio blog. Questa cosa mi riempie di gioia, sapere che molte persone ogni giorno sono interessati a leggere le mie esperienze nel “campo” del giardinaggio è davvero un onore per chi, come me, scrive per la voglia di condividere le proprie emozioni e passioni. (Ora mi sento ancora più carica di responsabilità per le cose che dico).

Come abbiamo già detto, il fungo è veramente un problema per il nostro tappeto erboso. Il fungo è quasi sempre presente, aspetta solo che si creino situazioni favorevoli per svilupparsi.
Le cause che possono portare allo sviluppo del fungo sono molteplici, anche una semplice irrigazione con un tubo che è stato esposto al sole, ma il più delle volte il problema sta in una concimazione sbagliata, per questo consiglio sempre di farsi consigliare da negozi specializzati del settore.

La cosa migliore è quella di fermare il fungo con trattamenti chimici mirati per il prato, e ripristinare le giuste misure agrarie per non dare modo al fungo di svilupparsi.

Altro fattore molto importante è la varietà di erba che inevitabilemente è legata alla nostra posizione geografica.

Per chi come me vive nelle calde zone del sud Italia vi consiglio la Lolium perenne e l’Agrostis stolonifera, in particolare Pencross e la Cobra.

Read Full Post »

Personalmente trovo sempre più interessanti le informazioni che mi fornisce ogni settimana  Andrea Malagoli autore del libro “Il tuo prato perfetto”, che vi consiglio vivamente.

Se abbiamo un prato erboso sappiamo bene cosa significa l’arrivo dell’estate: il tappeto erboso è quello che ha più difficoltà in questo perido derivanti dal caldo e dall’umidità. Effettivamente se riflettiamo un attimo è difficile vedere dei bei prati verdi d’estate. Inoltre le malattie delle piante in questo periodo aumentano.

Le maggiori componenti che contribuiscono al peggioramento del tappeto possono essere la suscettibilità del prato stesso, un fungo aggressivo e soprattutto che il prato consenta a questo fungo di svilupparsi rapidamente.

I rimedi sono molteplici, le applicazioni a volte un pò meno, ma chi come me fa del giardino il suo regno, troverà il modo e il tempo per dedicarsi e soprattutto curare il prato.

Read Full Post »